Home Blog-Articoli Patentino droni – Categoria Specifica

Patentino droni – Categoria Specifica

Patentino droni e regolamento europeo - Descrizione obblighi e limiti categoria Specifica (Specific)

da F.A.
  • PostView Count:70Views

Patentino droni Categoria Specifica

Dopo aver introdotto le peculiarità in termini di limiti, competenze e natura delle operazioni consentite della categoria Aperta, descritta nel regolamento europeo sui droni, passiamo dunque a esaminare gli analoghi limiti e le operazioni consentite nella categoria Specifica.

È bene rammentare che in base al regolamento europeo sui droni EASA, le categorie operative previste sono tre:

EASA - regolamento droni Categorie

EASA – Regolamento droni Categorie

ciascuna delle quali consente ben definite attività di volo con drone, in relazione al livello di rischio contemplato dalla categoria stessa.

Categoria Specifica

La categoria Specifica, interessa le operazioni di volo più specializzate, e include tutti quei casi che non fanno parte della categoria “Aperta”. In altre parole, se l’attività da svolgere con il drone non ricade in quelle previste dalla categoria “Aperta”, l’operazione ricade automaticamente nella categoria “Specifica”, ed è soggetta a tutti gli obblighi e limiti applicabili.

I voli nella categoria Specifica – autorizzati – come specificato dal regolamento di attuazione, consentono anche il volo sopra i 120 metri, la possibilità di volo fuori dl campo visivo del pilota – BVLOS (Beyond Visual Line Of Sight), il volo sopra assembramenti di persone e in aree aeroportuali non controllate (F e G) e controllate.

normativa droni categoria specifica limiti

Categoria Specifica – Limiti

Come già detto, tutto questo deve essere autorizzato dalle autorità competente, presentando una richiesta di autorizzazione.

Categoria Specifica – Limitazioni

Tuttavia la fine di snellire sia gli aspetti burocratici, che per consentire lo svolgimento di quelle operazioni semplificate, che ricadano in uno degli scenari standard con limitazioni simili a quelle della categoria Aperta, è possibile svolgere l’attività con il drone senza richiesta di autorizzazione operativa.

La tabella seguente pone quindi in evidenza sia i requisiti operativi, il tipo di autorizzazione e le limitazioni richieste nella categoria Specifica.

Requisiti Categoria Specifica

Tabella Requisiti Categoria Specifica

La necessità di immatricolarsi nello stato membro in cui risiede l’operatore UAS  è quindi fondamentale, per lo svolgimento di tutte le operazione nella categoria Specifica.

Ai fini delle operazioni da svolgere nella categoria Specifica ci limitiamo ad esaminare le prime due: operazioni con rischio e operazioni in scenari standard STS1 e STS2.

Operazioni categoria specifica con rischio

Per le operazioni che presentano un rischio più elevato, deve essere effettuata, da parte dell’operatore UAS, la valutazione dei rischi approfondita – SORA (Specific Operations Risks Assessment).

Lo scopo della SORA è quindi quello di individuare i requisiti che devono essere soddisfatti al fine di garantire la sicurezza delle operazioni. Si tratta quindi di un processo a più fasi che traguarda sia l’individuazione dei rischi relative alle operazioni svolte attraverso un velivolo senza pilota, nonché all’individuazione delle misure volte alla mitigazione dei rischi.

La SORA, deve essere presentata all’autorità competente. Se approvata sarà possibile effettuare quindi le relative operazioni.

Scenari Standard

Con il regolamento europeo, attraverso l’opinion 5/2019, EASA ha definito due scenari standard STS1 e STS2. Gli scenari standard definiscono le condizioni operative e entro cui l’operatore UAS può iniziare la missione d volo dopo aver presentato una dichiarazione all’autorità competente.

Scenario standard STS1 (marchio classe C5)

Lo scenario STS1 prevede le seguenti limitazioni:

  • operazioni in VLOS,
  • Massima altezza 120 mt,
  • MTMO < 25 Kg,
  • velocità massima di 5 m/s se non vincolato,
  • no volo su assembramenti di persone
  • area delle operazioni controllata (area urbane),
  • area controllata dovrà essere definita dall’operatore al fine di garantire il non volo su assembramenti di persone.
Scenario standard STS2 (marchio classe C6)

Lo scenario STS2, che include rischi intrinseci maggiori dello scenario STS1, prevede le seguenti limitazioni:

  • operazioni in VLOS (1 km esteso fino a 2Km con osservatore) e BLOS
  • Massima altezza 120 mt,
  • MTMO < 25 Kg,
  • velocità massima di 50 m/s,
  • no volo su assembramenti di persone
  • area delle operazioni controllata (e scarsamente popolata).

Le operazioni in scenario STS2 potranno quindi essere svolte su aree più ampie e con minori limitazioni riguardo alla velocità.

Considerazioni sui scenari standard

I requisiti delle classi C5 e C6 dei scenari standard, derivano dall’ampliamento dei requisiti della classe C3 della categoria Aperta.

Gli scenari standard quindi si prestano per lo svolgimento di quelle attività come aerofotogrammetria, ispezioni e rilievo con drone.

Si evidenzia ancora che in base al regolamento europeo EASA sui droni, lo svolgimento di operazioni con drone negli scenari standard necessitano quindi di una dichiarazione e non necessitano di Autorizzazione se sono soddisfatti i requisiti previsti dagli scenari standard stessi.

Normativa droni – eBook

Al fine di facilitare la comprensione di diversi aspetti normativi legati all’uso dei droni-UAS, con lo scopo di accrescere il know-how dei lettori e fornire una possibilità di approccio corretta ai droni e all’ecosistema correlato, Drone Edu ha realizzato l’eBook gratuito “Guida alla normativa sui droni“, disponibile per il download.

L’eBook riporta il quadro normativo attuale e pone in risalto gli aspetti fondamentali che ogni pilota di droni, deve tenere bene a mente. Al fine di fornire al lettore un quadro il più completo possibile, accanto agli aspetti normativi, l’eBook, riporta anche le sanzioni previste per i piloti inadempienti verso i diversi aspetti della normativa.

copertina ebook normativa droni uas drone eduFormazione pilota UAS – eBook

Per chi fosse interessato, si ricorda l’offerta formativa di Drone Edu per la preparazione per i test online per il patentino droni categorie A1-A3 e A2. Gli eBook, trattano le materie d’esame previste per il conseguimento degli attestati, includono test tipo per la preparazione, focus e take-away per facilitare la memorizzazione dei concetti fondamentali e contengono ricchi contenuti aggiuntivi.

Copertina eBook Attesato Pilota Droni UAS A1-A3 ENAC - Drone EduAttestato Pilota UAS A1-A3 DAC LussemburgoCopertina eBook Attesato Pilota Droni UAS A2 - Drone Edu

L’intera offerta formativa di Drone Edu, per i piloti di droni-UAS, sono disponibili ai seguenti link: Formazione pilota UAS e Operatività droni.

Articoli del Blog correlati:

eBook correlati patentino pilota droni:

Copyright © Drone Edu – Riproduzione riservata


Crediti: Le immagini e le tabelle riportate nel post, sono state realizzate da 4mydrone (parte del network di Drone Edu), e pubblicate sul sito 4mydrone.com dal gennaio 2020. Le immagini di copertina degli eBook presentati nel post, sono state realizzate da Drone Edu. L’immagine in evidenza è tratta da pixabay.com, libera per usi commerciali e senza richiesta di attribuzione. L’autore è Gerd Altmann.

Torna su

Posts che Ti potrebbero interessare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.